Image
Zoom

Questa settimana prosegue con l’intervista al primo cittadino di Pragelato, Giorgio Merlo, la rubrica “Venerdì dal Sindaco” che, per iniziativa della Direzione comunicazione e rapporti con i cittadini e il territorio della Città Metropolitana, propone reportage televisivi e interviste ai primi cittadini dei piccoli Comuni nel canale “YouTube” dell’Ente. Il “Venerdì dal Sindaco” è un’occasione per conoscere le peculiarità dei piccoli centri del territorio della Città Metropolitana di Torino, comprendere le emergenze e i piccoli e grandi problemi quotidiani con cui si confrontano i Sindaci, scelti dai loro concittadini per amministrare comunità montane e rurali a torto considerate marginali; realtà in cui la politica è volontariato puro.
Per vedere i filmati e i reportage fotografici del “Venerdì dal Sindaco” basta andare sul portale Internet della Città Metropolitana di Torino alla pagina http://www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2021/venerdi_dal_sindaco/
I filmati vanno anche in onda sull’emittente interregionale Telecupole, il sabato alle 14,30 con repliche la domenica alle 18,45 e il lunedì alle 20,40.
Nell’ultimo numero della rivista settimanale della Città Metropolitana “Cronache da Palazzo Cisterna” si può leggere il reportage da Pragelato; basta andare nel portale della Città Metropolitana alla pagina
http://www.cittametropolitana.torino.it/ufstampa/cronache/

PRAGELATO RISCOPRE LA SUA VOCAZIONE SPORTIVA INTERNAZIONALE

Giovedì 25 febbraio al Centro Fondo Olimpico di Pragelato è stata registrata la puntata de "Il Venerdì dal Sindaco" con il primo cittadino Giorgio Merlo, per parlare di tante idee e progetti importanti, tra i quali il sogno di riportare la Coppa del Mondo di sci nordico sulla pista olimpica di Plan e di dar vita ad un centro per la diffusione del biathlon in Val Chisone. Giorgio Merlo può contare su concittadini che credono nel rilancio del proprio paese nel panorama turistico post-Covid, dodici mesi l’anno e con proposte che spaziano dagli sport invernali all’escursionismo estivo, dalle tradizioni occitane al fascino di borgate che sembrano essersi fermate nel tempo e invece sono accudite con amore da chi le abita o le frequenta per rilassarsi.

NEVE, SENTIERI E TRADIZIONI OCCITANE IN UN MIX VINCENTE DI SPORT, NATURA E CULTURA
Si può considerare Pragelato come un piccolo Comune? Sì, se si tiene presente il dato ufficiale, che parla di 775 residenti. Un po’ meno se si pensa a quanto La Ruà e le altre quindici borgate pragelatesi sono frequentate dai turisti e dai villeggianti proprietari di seconde case. Il Comune salito sul palcoscenico sportivo mondiale quando ospitò le gare di sci nordico, salto e combinata nordica delle Olimpiadi del 2006 ha conosciuto un relativo declino nel decennio seguito ai Giochi Invernali di Torino, ma ora è impegnato in un rilancio che è innanzitutto turistico-sportivo, ma è anche un recupero della più genuina identità culturale.
Parlando con il sindaco Giorgio Merlo si percepisce che l’orgoglio di aver ospitato le gare olimpiche sulla pista di fondo che da Plan scende verso il paese o in alternativa sale nella suggestiva Val Troncea non può consentire ai pragelatesi di dormire sugli allori. È vero che all’imbocco della Val Troncea è approdato da un po’ di anni un villaggio del Club Med, che in futuro potrebbe essere ampliato. È vero che tutti gli appassionati di sci nordico ricordano l’ormai leggendario trionfo di Giorgio Di Centa nella 50 km, che chiuse in bellezza i Giochi Invernali del 2006. Ma adesso è ora di darsi da fare, per recuperare quello smalto che Pragelato aveva un po’ smarrito.
Derivano quindi dal desiderio di recuperare la meritata notorietà conquistata nel 2006 due novità che hanno segnato gli ultimi due anni: l’impegno di organizzare e ospitare la Coppa Europa e la Coppa Italia di fondo e l’avvio di una nuova gestione del Centro Fondo, curata da uno staff cuneese che ha già costruito il successo turistico e sportivo della Valle Pesio. Intervistare Giorgio Merlo proprio laddove Giorgio Di Centa tagliò da vincitore il traguardo della 50 km olimpica ha offerto l’occasione per conoscere, fotografare e filmare i giovanissimi atleti della nata da poco ma già agguerrita società sportiva Sci Nordico Pragelato. “Il Centro Fondo è l’eccellenza di Pragelato, la carta d’identità che ci qualifica a livello nazionale e internazionale. - sottolinea il primo cittadino. - Con la nuova gestione possiamo fare quel salto di qualità che sarebbe sancito definitivamente dal ritorno della Coppa del Mondo e, speriamo, delle Universiadi. La nostra amministrazione è convinta che le piste, le infrastrutture e le professionalità presenti in loco possano fare di Pragelato una delle capitali italiane degli sport invernali”.
Oltre che nell’ordinaria amministrazione, che nessun amministratore locale può mai trascurare, il Comune investe risorse finanziarie ed umane nella promozione della località 12 mesi l’anno: “Nell’estate 2020 i volontari e le associazioni hanno gestito iniziative importanti e molto apprezzate. - ricorda Merlo - Era difficile in tempi di pandemia, ma è stato ad esempio possibile far riscoprire ai turisti i sentieri tradizionali, che sono strettamente legati alla storia e alle tradizioni culturali locali. Possiamo contare su di una nuova Pro Loco, di cui fanno parte persone che hanno molte belle idee per la prossima estate”. A Pragelato le tradizioni culturali sono custodite materialmente nel Museo del Costume e delle Tradizioni delle Genti Alpine, ma soprattutto si rinnovano ogni giorno nella passione e nell’impegno dei volontari, persone che, in modo del tutto gratuito e spontaneo, animano le giornate di svago e relax che turisti e villeggianti trascorrono in alta Val Chisone.

Michele Fassinotti
Giornalista - Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino
corso Inghilterra 7, 10138 Torino
telefono +39 011-8617759 - cellulare +39 349-4163055



Condividi su:

Contattaci per saperne di più

codice di controllo (necessaria la visualizzazione delle immagini)